Vita

Il mosto risultante dalla prima spremitura è chiamato cuvée. Il mosto estratto dall'uva dopo la prima spremitura è chiamato taille.

4.000 kg di uva (un Marc) riempiono una pressa tradizionale nel Champagne. 2.550 litri di succo d'uva di questa quantità sono utilizzati per produrre il Champagne usato. Circa 100 litri di succo sono già prodotti quando si riempie la pressa sotto la pressione più leggera. Questo succo è chiamato bourbe. Contiene polvere e altre impurità che erano attaccate alle viti. Questo succo è inadatto all'uso.

Segue la prima spremitura, che produce il miglior succo d'uva (la cuvée). Questa spremitura produce 2.050 litri di succo. Questa prima spremitura consiste in tre fasi, con l'uva che viene leggermente rimescolata due volte nel mezzo (retrousses). Tête de cuvée si riferisce al (migliore) succo ottenuto dalle prime fasi di spremitura (anche il nome della migliore qualità di cuvée in generale). Segue una seconda spremitura che produce altri 500 litri di succo d'uva. Questo è il succo conosciuto come taille o première taille. Alcuni viticoltori vendono la taille ad altri viticoltori e usano solo il mosto della prima spremitura (la cuvée) nella creazione dei loro champagne.

Un tempo, il succo di una terza spremitura (deuxième taille) poteva anche essere usato per lo champagne. Tuttavia, il volume totale di succo d'uva che può essere utilizzato per lo champagne è stato ufficialmente ridotto da 2.666 litri a soli 2.550 litri in tempi recenti, e allo stesso tempo, l'uso del succo della terza spremitura per la preparazione dello champagne è stato vietato.

Una spremitura finale produce solo il succo residuo grossolano (rebêche). È utilizzato per la produzione di brandy (Marc de Champagne).

La vita si arricchisce di altre sostanze naturali attraverso la pressatura sempre più intensa delle uve.
Per esempio, la rottura delle bucce dell'uva aggiunge al contenuto di tannino, che può essere sia benefico che dannoso (vedi tannino). Inoltre, la vita guadagna colore a causa della maggiore pressione sulle uve, il che è ovviamente indesiderabile in termini di uno champagne bianco. Tuttavia, questo "succo di vita" della seconda spremitura non è affatto da intendere come "cattivo". Al contrario, può contribuire ad un ottimo Champagne sotto la cura di un capace maestro di cantina. Inoltre, la vita di seconda spremitura è molto più economica del succo di prima spremitura (cuvée). Questo si riflette in definitiva anche in un prezzo relativamente basso di una bottiglia di champagne sullo scaffale del grande magazzino.

it_ITItaliano